Digiuno intermittente cosa mangiare

da | Mar 1, 2023 | Come dimagrire | 0 commenti

Digiuno intermittente cosa mangiare per dimagrire? Nella dieta del digiuno intermittente cosa mangiare me lo domandano spesso in molti, ma la risposta è che in realtà non ci sono regole e la flessibilità è una delle cose migliori del digiuno intermittente. Puoi mangiare il cibo che ami e non sentirti costantemente “a dieta’

Quando mangiare in un giorno di digiuno?

Per la maggior parte delle persone, digiunare tutto il giorno e poi avere un buon pasto serale è il miglior piano per una giornata di digiuno.

In molti quindi trovano che mangiare solo una piccola quantità di cibo attenui i morsi della fame per un breve periodo e in realtà li renda più affamati per il resto della giornata, quindi è generalmente meglio evitare spuntini nei giorni di digiuno e risparmiare le calorie finché non si può avere un pasto adeguato.

Oltre ad essere più facile per la maggior parte delle persone, aspettare di mangiare fino a sera è anche la pratica di digiuno intermittente più efficace per la perdita di peso, visto che avrai digiunato più a lungo.

Come resistere alla fame durante il digiuno

Come resistere alla fame durante il digiuno?

Durante il digiuno alcuni snack sono permessi: potresti avvertire lo stimolo della fame intorno alle 16:00. Una bevanda salata o un piccolo spuntino possono essere in questo caso una soluzione.

Se hai problemi di insonnia in un giorno di digiuno, puoi risparmiare alcune calorie per uno spuntino prima di andare a letto.

Se invece il digiuno per tutto il giorno non ti si addice, non sentirti obbligato a seguire questo consiglio.

Potresti preferire digiunare una settimana intera, a giorni alterni, potresti scoprire che preferisci mangiare una piccola colazione, saltare il pranzo e poi cenare.

O forse ti piace saltare la colazione, fare un piccolo pranzo e cena. O forse un grande pranzo e uno spuntino serale ti si addicono di più. 

Con il modo di mangiare a digiuno intermittente, tutto ciò che funziona meglio per TE è sempre la risposta giusta! Vediamo cosa mangiare nel digiuno intermittente in rapporto alla modalità di digiuno scelta.

Come fare la dieta 16 8

Il Digiuno intermittente 16/8

Il digiuno intermittente 16/8 prevede 14 ore al giorno di digiuno per le donne e 16 per gli uomini, il resto del giorno ci si alimenta.

Veniamo al punto: nel digiuno intermittente cosa mangiare con il 16/8?

Durante il periodo di digiuno, non si consumano calorie, tuttavia, sono permessi caffè nero, dolcificanti senza calorie, bibite dietetiche e gomme senza zucchero.

La maggior parte dei praticanti troverà più facile digiunare di notte e al mattino, di solito si interrompe il digiuno all’incirca sei ore dopo essersi svegliati.

Questo programma è adattabile allo stile di vita di qualsiasi persona, ma è importante mantenere un tempo di finestra di alimentazione coerente.

Se pratichi attività fisica, cosa mangiare dopo un allenamento a digiuno dipende anche da quando ti alleni.

Nei giorni in cui ti alleni, i carboidrati sono più importanti del grasso, nei giorni di riposo, l’assunzione di grassi dovrebbe essere più alta.

Il consumo di proteine dovrebbe essere abbastanza alto ogni giorno, anche se varierà in base a obiettivi, sesso, età, grasso corporeo e livelli di attività.

Indipendentemente dal tuo programma specifico, cibi integrali non trasformati dovrebbero costituire la maggior parte dell’apporto calorico.

Tuttavia, quando non c’è tempo per un pasto, una barretta proteica o una barretta sostitutiva del pasto è accettabile (con moderazione).

Cronometra la finestra in cui assumi il cibo: se stai seguendo un metodo di digiuno intermittente, come il 16: 8, sai esattamente quando dovresti mangiare.

Ma devi decidere anche quando quella finestra dovrebbe iniziare e finire. In teoria, se stai seguendo il piano 16: 8, potresti scegliere l’intervallo in cui mangiare a partire dalle 16:00 e finire l’ultimo pasto a mezzanotte.

Tuttavia, potrebbe essere saggio non finire così tardi di mangiare, il motivo è che i nostri corpi sono progettati per il riposo notturno e in modalità di stand-by alla fine della giornata: mangiare tardi la sera interferisce con i ritmi degli ormoni dei nostri corpi e potrebbe influire sulla nostra salute.

Tuttavia, come sempre, se preferisci o hai bisogno di mangiare più tardi e funziona per te, allora dovresti farlo.

Eat stop eat

Nella modalità Eat stop eat del digiuno intermittente si digiuna per 24 ore di seguito una o due volte alla settimana.

Durante il digiuno di 24 ore, nessun cibo viene consumato, ma puoi bere bevande prive di calorie. Dopo che il digiuno è finito, torni a mangiare normalmente.

Alcune persone hanno bisogno di terminare il digiuno facendo un pasto abbondante mentre altri preferiscono concluderlo con uno spuntino pomeridiano.

La logica principale? Digiunare un giorno ridurrà l’apporto calorico complessivo senza limitare realmente ciò che si è in grado di mangiare.

È importante notare che l’integrazione di allenamenti regolari, in particolare l’allenamento di resistenza, è la chiave per riuscire su questo piano se si ha l’obiettivo di ottenere una perdita di peso o una migliore composizione corporea.

Warrior Diet

Questa forma di digiuno si protrae per circa 20 ore al giorno e prevede di mangiare un pasto abbondante ogni sera.

Come organizzare il digiuno intermittente

Cosa mangiare nel digiuno intermittente Warrior Diet?

Quello che mangi e quando lo mangi all’interno di quel grande pasto è anche la chiave di questo metodo. La filosofia qui è basata sul fornire al corpo i nutrienti di cui ha bisogno in sintonia con i ritmi circadiani e basandosi sul fatto che le nostre specie sono intrinsecamente programmate per mangiare la notte.

La fase di digiuno di “The Warrior Diet”, che praticamente corrisponde quasi a digiunare un giorno intero, prevede che durante le 20 ore di digiuno, se lo si desidera, è possibile mangiare alcune porzioni di frutta o verdura crude, succo fresco e alcune porzioni di proteine.

Questo dovrebbe massimizzare la risposta di del Sistema Nervoso Simpatico, che ha lo scopo di aumentare l’energia e stimolare la combustione dei grassi.

La finestra del mangiare di quattro ore – che Hofmekler definisce “fase di eccesso di cibo” – è di notte per massimizzare la capacità del sistema nervoso parasimpatico di aiutare il corpo a recuperare calma, rilassamento e digestione, consentendo al tempo stesso al corpo di usare i nutrienti consumati per la riparazione e la crescita.

Ti consiglio di leggere questo libro che ti metto sotto proprio di Hofmekler perché all’interno puoi comprendere alcuni concetti di quella che lui ha chiamato la Dieta del guerriero, ovviamente tieni presente che devi solo prendere spunto dalla sua lettura perché ritengo sia molto motivante. Ecco il libro sotto puoi semplicemente cliccarci e scoprirai di più.


Mangiare di notte può anche aiutare il corpo a produrre ormoni e bruciare i grassi durante il giorno. Durante queste quattro ore, è importante anche l’ordine in cui mangi gruppi alimentari specifici: devi iniziare con verdure, poi assumere proteine e infine grassi. Dopo aver terminato quei gruppi, solo se hai ancora fame dovresti ricorrere ad alcuni tipi di carboidrati.

Sebbene le varie modalità di digiuno intermittente siano diverse l’una dall’altra, esistono alcune indicazioni generali valide quasi in ogni modulo che si sceglie di adottare. Ecco quali sono.

Cosa mangiare nel digiuno intermittente: linee guida

Ecco quindi riassunto in pochi step cosa mangiare durante la fase del digiuno intermittente

1) Scegli più pasti proteici, che ti aiutano a sentirti sazio più a lungo.

2) Riempi il piatto con verdure a basso contenuto calorico: danno un senso di sazietà, sono gustose e fanno bene alla salute.

3) Mantieni i carboidrati al minimo:

4) Non aver paura del grasso: sebbene il grasso sia ricco di calorie, ti aiuta a sentirti sazio.

Ma cosa mangiare dopo il digiuno?

Il digiuno intermittente è il miglior modo di mangiare per gli amanti del cibo! Nei giorni di non digiuno sei libero di mangiare quello che vuoi.

Anche se, ovviamente, se vuoi perdere peso, forse dovrai limitarti nel mangiare tutto quello che desideri. E, per quanto strano possa sembrare strano, i giorni dove non digiuni probabilmente ti aiuteranno a ridurre l’appetito invece di aumentarlo.

Potresti scoprire di non avere molta fame il giorno dopo un giorno di digiuno. Non c’è bisogno di mangiare molto se non ne hai voglia ma mangiare poco e spesso forse può aiutarti!

È consigliabile invece aspettare di avvertire lo stimolo della fame prima di mangiare in un giorno in cui non fai il digiuno.

I tuoi gusti possono cambiare in modo da non sentire più desideri di cibi dolci e zuccherati.

Capirai meglio la fame e avvertirai meno il desiderio di consumare snack e potrai aspettare i pasti senza preoccuparti di quando sarà il momento di mangiare.

Questo tipo di cambiamenti non avverranno immediatamente: la tua fame nei giorni di non digiuno può variare notevolmente. Potresti scoprire di essere veramente affamato e di mangiare molto nei giorni in cui non digiuni: molte persone sperimentano questo nei primi giorni.

Non ti preoccupare se ciò accade, concentrati solo sul seguire i tuoi digiuni programmati.

Dopo 6 settimane di digiuno, se hai ancora problemi di fame e non riesci a limitarti con il cibo e di conseguenza non stai perdendo peso, potresti decidere di cambiare il metodo di digiuno o di apportare altre modifiche. Dovresti mirare a mangiare normalmente nei giorni in cui non pratichi il digiuno.

La gioia del digiuno intermittente è che puoi passare la maggior parte del tuo tempo libero dall’ansia per il cibo, mentre controlli il tuo peso e vivi in modo sano.

Alcune persone limitano le loro calorie nei giorni in cui non digiunano nel tentativo di accelerare la perdita di peso: anche se questo potrebbe funzionare a breve termine, probabilmente non è una buona idea a lungo termine.

Se non hai i tuoi giorni di normale alimentazione, probabilmente ti sentirai privo dei tuoi cibi preferiti e svilupperai la “stanchezza della dieta”.

Se il digiuno intermittente deve diventare il tuo stile di vita, è importante che tu lo faccia in modo sostenibile ma a mio parere anche se a lungo termine, l’importante è che ci sia un termine.

seguimi
Nutrizionista - Direttrice di Ricerca in ambito Nutraceutico, Farmacista esperta in sviluppo e produzione di integratori alimentari. Esperta in PscioNeuroEndocrinoImmunologia e specializzata in Biochimica degli alimenti e dieta chetogenica, Imprenditrice di successo impegnata nel sociale con ruoli di rilievo in diverse associazioni contro la violenza di genere.
Dott.ssa Marialuisa Conza
seguimi
Latest posts by Dott.ssa Marialuisa Conza (see all)

Categorie