dattero-copertina

Il dattero è il frutto della palma da dattero “Phoenix Dactylifera” le cui origini sono davvero antiche. Si tratta di una palma molto alta che può arrivare fino a 30 metri e produrre fino a 50 chili di frutti l’anno. I datteri vengono essiccati per aumentare il tempo di conservazione. I datteri secchi hanno più zuccheri di quelli freschi.

dattero proprietà

Storia del dattero

La pianta dei datteri, da cui ha origine un prezioso “cibo medicina”, appartiene alla famiglia delle Palmaceae, ed è originaria dell’Africa settentrionale. Simbolo di fertilità per gli Egizi, i Greci e i Romani la utilizzavano come ornamento nelle celebrazioni trionfali. 

Nella tradizione greco-cristiana, la palma da dattero diventò un simbolo di pace ed è legata oggi al periodo pasquale per celebrare l’ingresso di Gesù a Gerusalemme.

 

pianta del dattero

Datteri Proprieta’ e Benefici

Analizziamo le proprietà dei datteri, e come già riportato, hanno un alto contenuto di zuccheri e rappresentano un alimento fondamentale in Arabia e Nord-Africa che, per aumentarne il tempo di conservazione, essiccano i datteri al sole per averne la disponibilità tutto l’anno.

 

Le proprietà dei datteri sono ben conosciute in quanto hanno numerosissimi elementi curativi: sono ricchi di fibre, pertanto utili per le funzionalità intestinali e a prevenire la stitichezza, sono ottimi per la reintegrazione dei sali minerali, consigliati soprattutto per chi pratica sport e per chi deve affrontare sforzi fisici e mentali. 

Tra i minerali:

  • Potassio, per riequilibrare il livello dei liquidi nell’organismo, contribuendo a mantenere sano il sistema cardiovascolare;
  • Magnesio, responsabile di innumerevoli processi metabolici, come la stabilità elettrica cellulare, la trasmissione nervosa e muscolare; il fosforo, valido aiuto per le nostre funzioni cerebrali, infine selenio, calcio e sodio.

Calorie datteri 

I datteri fanno bene, questi sono fra i frutti più ricchi di glucidi, tanto che possono contenerne fino al 70%. 100 gr. di datteri forniscono 275 calorie ed è per questo motivo che sono i protagonisti di tutte le diete energetiche, per il loro effetto rinvigorente e tonificante; molto utili a adolescenti, donne in gravidanza e in allattamento, agli anziani non diabetici per contrastare la decalcificazione ossea. 

Al contrario, essi forniscono pochissime proteine, per cui sono adatti nelle diete ipoproteiche dove è necessario ridurne l’assunzione (es. nei casi di insufficienza renale).

Inoltre, sono utili per le persone che soffrono di ritenzione di liquidi, alleviano gotta e artrite, malattie caratterizzate da un accumulo di tossine;  grazie alla vitamina B3 aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, servono a mantenere i nervi in salute, riducendo anche la pressione arteriosa; sono antinfiammatori, agendo soprattutto sulle vie respiratorie, rivelandosi un buon rimedio contro raffreddori e bronchiti (in proposito, provate l’infuso preparato con un etto di datteri bolliti in mezzo litro d’acqua per alcuni minuti, dolcificato con del miele); contrastano i radicali liberi e l’invecchiamento naturale delle cellule, prevenendo i tumori.

I più salutari sono i datteri freschi, dalla forma liscia, cilindrica e dalla polpa carnosa, con una percentuale di vitamine più alta di quella dei frutti secchi. Tra i pochi effetti collaterali, essi possono causare forti emicranie in persone molto sensibili.

I datteri, antinfiammatori e rimineralizzanti naturali, quindi sono un’ottima fonte di potassio e di altri sali minerali. Grazie al loro potere energico sono molti utili in caso di carenze, affaticamento e debilitazione fisica. Sono inoltre adatti agli sportivi. In virtù del loro potere calorico e dell’elevato contenuto di zuccheri non sono idonei per chi segue una dieta ipocalorica e per chi soffre di diabete.

In generale, comunque, sono ricchissimi di sali minerali e possono essere quindi considerati un ottimo rimineralizzante naturale. Si ritiene che abbiano proprietà antinfiammatorie, benefiche soprattutto a carico di vie respiratorie e intestino.

datteri frutta secca

Nello specifico quindi analizziamo per punti i datteri che risultano avere le seguenti proprietà:

Antiossidanti 

Gli antiossidanti sono composti chimici che interagiscono con i radicali liberi e li disattivano, impedendo loro di causare danni. Ci sono diversi studi che dimostrano l’efficacia dei datteri nel contrastare gli effetti dei radicali liberi.

Uno studio americano ha dimostrato che questi frutti hanno la più alta concentrazione di polifenoli tra tutta la frutta secca.

Altri studi hanno anche dimostrato che i composti fenolici vegetali, inclusi i flavonoidi, sono efficaci antiossidanti con effetti anti-mutageni e anti-tumorali.

Un recente rapporto ha mostrato che gli estratti acquosi dei datteri hanno proprietà antiossidanti, antimicrobiche e anti-mutagene. Ci sono due studi importanti che hanno dimostrato che i datteri sono una buona fonte di antiossidanti e che tra tutta la frutta secca sono quelli con la più alta concentrazione di polifenoli.

Un recente studio ha esaminato le proprietà antiossidanti in diversi tipi di datteri come FardKhasab e Khalas.

I risultati hanno dimostrato che i Khalas hanno un’attività antiossidante più elevata ed un maggior contenuto di carotenoidi totali e acidi fenolici.

Antitumorali

I tumori sono una malattia riconducibile ad una molteplicità di fattori e un onere economico in tutto il mondo. L’alterazione del normale meccanismo d’azione dei geni ha un peso notevole nello sviluppo e nella progressione dei tumori.

L’attuale trattamento dei tumori è basato sulla radioterapia e la chemioterapia che sono efficaci ma hanno anche conseguenze negative. I costituenti di piante medicinali come flavonoidi e fenoli, svolgono un ruolo significativo nel controllo dei tumori attraverso la regolazione delle vie genetiche ma senza alcun effetto collaterale.

Altri studi confermano che flavonoidi e fenoli svolgono un ruolo importante nel controllo dei tumori attraverso la regolazione dei percorsi genetici, senza per altro avere effetti collaterali. I costituenti dei datteri hanno mostrato proprietà antitumorali ma il meccanismo con cui agiscono non è ancora stato chiarito.

 Uno studio cinese ha dimostrato che il D-glucano beta presente nel dattero ha proprietà antitumorali. L’efficacia che questo composto ha nei confronti dei tumori è stata dimostrata anche da un altro studio condotto su animali.

Uno studio molto recente condotto sui ratti suggerisce che l’estratto acquoso di datteri ha effetti benefici nei confronti del carcinoma epatocellulare.

Nonostante le attuali terapie avanzate, questa patologia rappresenta una delle principali cause di decesso legate ai tumori. Le proprietà antinfiammatorie, epatoprotettive e antitumorali osservate nel dattero potrebbero essere dovute alla presenza di flavonoidi come luteolina, apigenina, quercetina e proantocianidine in date ricche di composti polifenolici. 

Energizzanti

I datteri, in particolar modo quelli freschi, possiedono proprietà energizzanti e reintegranti dei sali minerali. Sono quindi consigliati per chi pratica sport, per i bambini e per chi ha una vita molto attiva in generale.

Grazie ai loro zuccheri naturali, donano energia ed apportano benefici alle persone che tendono ad essere costantemente sottopeso.

Sempre grazie all’alta presenza di zuccheri, i datteri, in particolar modo quelli secchi, sono assolutamente sconsigliati per chi soffre di diabete. Uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry conferma le proprietà energetiche dei datteri.

Benefici al Sistema Nervoso

Sono molto ricchi di potassio, ne contengono addirittura più delle banane. Per questo motivo aiutano ad equilibrare il livello di liquidi nell’organismo. Inoltre apportano benefici al funzionamento del sistema nervoso.

Per questo motivo i datteri apportano benefici nell’alimentazione degli anziani, il cui sistema nervoso tende ad indebolirsi man mano che l’età avanza.

Secondo uno studio del 2003 anche le vitamine presenti nel frutto sono un toccasana per la salute del sistema nervoso.

I composti fenolici sono generalmente buoni antiossidanti che sono noti per proteggere le cellule dai danni ossidativi. È risaputo che hanno un ruolo preventivo contro i radicali liberi e quindi possono contribuire alla prevenzione di diverse malattie legate all’età. È stato dimostrato che l’estratto acquoso di questi frutti protegge i circuiti neuronali contro l’ischemia cerebrale focale.

Infiammazione

I datteri secondo la medicina popolare hanno proprietà antinfiammatorie utili per la salute delle vie respiratorie. I benefici si ottengono facendo bollire un etto di datteri in mezzo litro d’acqua per alcuni minuti. Si dolcifica con miele prima di bere.

Sempre per le loro proprietà antinfiammatorie, consumare qualche dattero al giorno durante i periodi di indisposizione dovuta a raffreddamento, aiuta ad accelerare i tempi di guarigione.

Uno studio americano ha confermato le proprietà antinfiammatorie dei datteri. Un altro studio condotto in Arabia Saudita ha rilevato che anche il polline dei fiori della palma da dattero ha attività antinfiammatoria.

Uno studio a sostegno dei datteri come antinfiammatorio ha dimostrato che le foglie della pianta possono essere considerate una buona fonte di farmaci antiossidanti e antinfiammatori naturali.

Ricordiamo che l’infiammazione è un normale processo che il nostro organismo usa per difendersi dagli agenti patogeni. Quando però l’infiammazione diventa cronica può dare origine a diverse malattie, molte delle quali anche gravi.

Come vanno consumati

Solitamente si mangiano secchi infatti si annoverano fra le varie qualità di frutta secca le cui proprietà sappiamo essere molto importanti per il fabbisogno  giornaliero del nostro organismo ; in realtà, però, per approfittare di tutte le loro proprietà andrebbero consumati freschi. I datteri freschi, infatti, sono più ricchi di sali minerali e vitamine e contengono circa la metà delle calorie rispetto a quelli secchi.

Vediamo però quali sono le calorie e che valori nutrizionali adduciamo ai datteri.

Datteri calorie e valori nutrizionali 

100 g di datteri secchi contengono 253 kcal/1058 kj.

Inoltre, per 100 g di dattero abbiamo:

  • Acqua 17,30g
  • Carboidrati 63,10g
  • Zuccheri solubili 63,10g
  • Proteine 2,70g
  • Grassi 0,60g
  • Fibra 8,70g 
  • Sodio 5mg
  • Potassio 750mg
  • Ferro 2,70mg
  • Calcio 69mg
  • Fosforo 65mg
  • Vitamina B1 0,08mg
  • Vitamina B2 0,15mg
  • Vitamina B 3 2,20mg
  • Vitamina A 5µg

Datteri valori nutrizionali 

In 100 g di datteri essiccati troviamo:
Proteine  2,5 g.
Grassi 0 g.
Carboidrati 82,5 g
Zuccheri  65 g
Fibra 7,5 g.

 

Conclusioni

In pochi lo fanno, ma è molto importante lavarli prima di mangiarli, la loro superficie rugosa si ricopre facilmente di polvere ed altre impurità.

datteri di Israele sono considerati i più pregiati. Sono mediamente più grandi e saporiti dei datteri comuni ed hanno una consistenza corposa che li rende deliziosi.

Fin dai tempi più antichi gli egizi attribuivano alla pianta del dattero il simbolo della fertilità, mentre nella tradizione cristiana le sue foglie rappresentano un simbolo di pace e richiamano l’entrata di Gesù a Gerusalemme.

La pianta da dattero può vivere fino a trecento anni e comincia a portare frutti dopo il suo terzo anno di età. Dai datteri si ricava anche un tipo di miele ed alcune bevande alcoliche tramite fermentazione.

Abbiamo visto quante proprietà contengono i datteri e quali azioni benefiche hanno per questo motivo vi invito a consumarli ma sempre non eccedendo mai nelle proporzioni.

Dott.ssa Marialuisa Conza
seguimi
Latest posts by Dott.ssa Marialuisa Conza (see all)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *